• Mer. Nov 30th, 2022

Amiâ Zena

Genova è la città più bella del mondo!

“Un ti, un mi…” Vecchio racconto Genovese

Diwp_1070568

Apr 26, 2022

Ciao Pirati dei Ratti!!!

Lo scorso weekend a casa del nonno Ettore abbiamo ritrovato un libro che raccoglie un po’di storie, racconti, canzoni e detti genovesi.

Abbiamo deciso di condividere con voi questa storia bellissima.

Mettiamo la storia in genovese e poi una traduzione in italiano.

Un ti, un mi…

Gh’ea duî. se son trovae d’accordio (annemmo!).

Gh’ea n’erbo de cacchi; di belli cacchi gh’ea: – Anemmo a röbane dö trei

Ebben, l’ea neutte: perché son anaeti de neutte. 

Van Lasciù e s’an portou e corbe, due corbe… e li cheuggi e caccia dentro… e li cheuggi e caccia dentro… Favan insemme. Cheuggian e se ne piggian in spallae van via.

Passan dä porta do çimiteio. e oua aivan da dividdei insemme e piggiasene tanti pe un. Ebben van dentro, a porta a l’ea averta, e gh’ea a casa mortuaria.

Dixe: – anemmo là e se-i dividemmo.

l’infian tutti in te un sacco e dappeu han misso lì e due corbe, ma intrando, che n’ea cheito pe-a taera duï,  lì da porta. Intanto contavan cacciandoli in te corbe: – un ti, un mi, un ti, un mi…

Oua gh’era o figgio do becchin che a.. seia o l’andavaa aççende i cei in to çimiteio, pe aççende e lampe…quarcosa… e o l’è arriou da.. porta e o l’à sentio: – un ti, un mi, un ti, un mi…– e o no è introu; o s’è atrovou puia – Cose gh’è!- e o scappa, o va do so poae eo dixe; – Ti gh’è anaeto?

mia, ghe son anaeto lasciù– o l’à dito – mi diae che gh’è o Segnô e o diao che se dividdan i morti e dixan: un ti, un mi, un ti un mi….

Oh, ti t’ae puia, tanta puia. O sò te spoizo. Beugna che vadde mie.

no ghe ne ciû– dixe un –emmo finio!

O va in sciu e seu figgio o che va appreuvo. Arrian lasciù dä porta e o sta un po’ a sentî – un ti, un mi, un ti, un mi…– Ean ancon appreuvo a contali.

ma– dixe l’a..tro – vanni a piggiâ quelli duî che l’è da.. porta (ean queli duî che gh’ae cheito in to intrâ).

E quelli duî  ch’ean lâ: dacche via!!!!!!

racconto in italiano…

c’erano due amici che si erano trovati d’accordo per andare a rubare dei cachi.  era notte e con se si erano portati due grosse ceste… e arrivati dall’albero raccolgono e buttano nella cesta, raccolgono e buttano nella cesta… facevano insieme, raccogli e riempi e si mettono le ceste in spalla e vanno via.

Passano dalla porta del cimitero e decidono ci fermarsi e dividersi il bottino: uno a te uno a me, uno a te uno a me… ma gli erano caduti due cachi vicino alla porta.

lì accanto c’era la casa mortuaria, e il figlio del becchino era uscito per andare ad accendere i lumi.

si avvicina alla porta del cimitero e sente: “uno a te uno a me uno a te uno a me…” e si trova paura, e scappa a casa.

il padre gli chiede: “allora sei andato?” … “si io sono andato ma là devono esserci il Signore e il diavolo che si dividono i morti! e dicono uno a te uno a me uno a te uno a me…”

il padre gli dice:” tu sei troppo pauroso, hai paura di tutto… vado io..”

e il figlio lo segue.. arrivano lassù dalla porta e sentono: “uno a te uno a me, uno a te uno a me… son finiti, non ce ne sono più…” e l’altro dice… “vai a prendere quei due vicino alla porta!’

e i due scappano a gambe levate 😁

Speriamo che questa storia vi sia piaciuta ed è solo una delle tante belle cose che abbiamo trovato nel libro che aveva il nonno a casa!

Alla prossima storia… E se avete qualche bella storia da condividere mandarcela via mail e la pubblicheremo!!!

Ciao P.

1 commento su ““Un ti, un mi…” Vecchio racconto Genovese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *