• Mer. Nov 30th, 2022

Amiâ Zena

Genova è la città più bella del mondo!

Ciao Pirati dei Ratti!!!

Chi l’ha detto che la pesca è una cosa solo per i maschi???

Qualche giorno fa la nostra amica Cinzia ci ha inviato un racconto relativo alla sua prima esperienza di pesca dopo molti anni! È un racconto troppo divertente e vi consiglio di leggerlo, sono certo che vi farete delle super risate!!!

Pesce… D’aprile

Mi son quintese.
Sono nata a Bagnara, in un bel borghetto di pescatori in Zena, fin da piccola vedevo gozzi, ami, canne da pesca e tanti pesci.
Sono sempre stata affascinata dal mare, e mamma e zio quando avevo circa 9 anni mi portarono in barchetta a fare un giro.
Al largo di Murcarolo, improvvisamente ci trovammo in un banco di pesci “agoni” (aguglie), in pratica immaginatevi un’acciuga con la faccia? Il muso? da pescespada. (lo so è orribile) 😁


Impreparati a questa invasione, mia mamma prese il suo pacchetto di sigarette Marlboro e mio zio di Diana blu e attorcigliarono della lenza tutta intorno (trovata casualmente nella barchetta)…. insomma iniziammo a tirare su questi mostri senza un domani, riempiendo la barca.


Perché racconto questo aneddoto?
Perché mi sentivo la regina della pesca, mi presi il merito che ero io ad aver portato fortuna, così dopo 30 anni, in questa Pasqua 2022 ho avuto la genialata di proporre una giornata di pesca in famiglia.

Genova Quinto

Mio papà molto felice dell’idea, incarica me e il mio fidanzato ad andare dal decathlon ad acquistare tutto il necessario con una lista… arriviamo e li… il PANICO!


Ami con immagini di pesci che nemmeno ne “La Sirenetta ” e “alla ricerca di Nemo” si sono mai visti! Mille lenze, duemila mulinelli…. Non trovo una, e dico una, cosa di quelle scritte nella lista, di papà , così chiedo gentilmente al commesso di aiutarmi. Arriva lui, bello bello e con calma mi aiuta facendo anche domande specifiche alle quali nemmeno Google avrebbe saputo rispondere.

Fiera gli chiedo i bigattini…. “Finiti!”…ancora più Fiera chiedo “Coreani”…. quasi per spacciarmi da intenditrice. Facciamo per uscire quando al mio fidanzato viene un’idea brillante: “Visto che ti piace pescare ti regalo una canna da pesca”….
penso: Wow ha pure la valigetta! e dico “Poi me la devi pitturare di rosa”.
Intravedo il commesso con una faccia sconcertata e anche divertita.

E’ Pasqua!
Si va a pescare evviva! Consulto una app della pesca, e dice a riferimento del mar Ligure “passaggio pesci intenso”, avviso la famiglia da espertona e via verso Cavi di Lavagna.

Ci posizioniamo…. non so assolutamente mettere l’amo, chiedo aiuto e primo lancio.
Incagliata negli scogli.
Chiedo aiuto. Tiro… rompo tutto.
Da capo, lancio, coreano adios mangiato dai pesci . “Ah ma allora i pesci ci sono esclamo”…. lancio, incagliata, perso di nuovo tutto.


Tutti che si divertono ed io sempre incagliata.
Facevo anche finta che andasse tutto bene quando mi guardavano, come se fossi lì ad aspettare che qualche pesce abboccasse quando la realtà non era così!!!


Insomma morale: 3 piombi, coreani a gogò perduti per sempre.
Faccio l’ultimo lancio, s’incastra la lenza nel mulinello.
Non basta la pazienza di mio padre e del mio fidanzato. “Arrenditi”.
Passo…
Così mi siedo sullo scoglio mangio la mia focaccia con Sant’Olcese e penso che forse, ma dico forse quei 60 euro alla decathlon al mio fidanzato potevo evitarli.
Più che altro penso a dove posso trovare una pescheria aperta visto che a Pasquetta avremo dovuto nutrirci del mio pescato.
Un consiglio.
Anche se sei nato al mare, se acciughe a forma di mostro si sono fiondate sulla tua barchetta come fossi stato Gesù ,se consulti app fighissime sul passaggio dei pesci, se guardi tutorial e se hai una canna da pesca principiante con valigetta che presto diventerà rosa non promettere mai e dico mai una griglia di pesce ai tuoi amici.
Dalla regina della pesca è tutto. 😁

Sono sicuro che anche voi avete sorriso leggendo questo racconto e se avete delle esperienze che volete condividere con noi, mandatemi una mail e sarò felice di inserirla sul nostro blog!

Ciao P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *