• Mer. Nov 30th, 2022

Amiâ Zena

Genova è la città più bella del mondo!

Giuliano, una vecchia storia in Genovese…

Diwp_1070568

Mag 5, 2022

Ciao Pirati dei Ratti!!!

Nel vecchio libro che abbiamo trovato a casa del nonno Ettore ci sono diverse storie in genovese. Qualche giorno fa avevamo pubblicato la storia “un ti, un mi” che molti di voi sappiamo che avete apprezzato!

Oggi abbiamo deciso di pubblicare questa storia e speriamo che vi piaccia!

Giuliano

Gh’ea duî vegetti liatri ascì àn avuo un figgio, ma o l’ea destinou, sto figgio chi, d’ammassâ so poae e so moae. 

Le ö saveiva, quest’ommo chi, e o vegnia grande e o triboläperché dixe:

“mi un bello giorno, mi bezeugna ch’ammassa mae poae e mae moae!”

E o s’è allontanou da casa, tanto o s’è allontanou. 

I duî veggi son andaeti in te bosco a piggiâ un fascetto de legne, ma no saivan che intantolê o s’ea spozou. E àn visto un nio de öxelletti che ghe davan o boccon.

“Dà un po’ a mente che son bestie e àm sempre de secorî i so figgieu; ghe dan o bocconetto ai so figgieu e niatri ch’emmo un figgio solo no andemmo mai a ritrovâlo e l’emmo perso e no l’emmo ciù visto!”

Son partï a àn camminou trei giorni e trae neutte. Arria da ‘na gëxettta e finiva messa e sciortia da gente. L’è sciortio ‘na donna e gh’än dîto:

“A savieiva miga, scignoa, de dâne notisie de un çerto Giuliano?

“E ätroché, che l’ò spozou” ha gh’à dîto “l’è o mae spozo: l’ò spozou mi!” ha gh’à dito.

le a s’a piggiou sti duî vegetti, a l’à portae in casa, a gh’à dou da mangiâ, da beie; a l’à missi a ripozâ che’an stanchi (en camminou trei giorni e trae neutte) e… dappeu son andaeti a ripozase in letto.

Giuliano, so maio, o l’ea ä peschea co pescava. Arria o diao e ghe dixe: ” Giuliano, stai qui a pescare, tua moggê a l’è in casa con un atro ommo; te me pai un gran fallito!”

E le o l’à piggiou furia e o l’è andaeto a casa, Giuliano.

O va a casa e o ghe fa comparî so moggê con ‘nätro ommo, o diao. O l’arria o piggia o cotello in ta cascetta co gh’aveiva, o ghe taggia a testa a tutti dî. Dappeu o scappa. S’accapisce, o l’à faeto ‘na cosa co scappa, no? 

O l’arria in fondo da scä: gh’è so moggê co-a brocca d’aegoa in testa: a l’ea anaeta a-o sciumme:

“Giuliano, t’ò da dâ ‘na gran contentessa” a gh’à dîto ” l’è vegnuo to papà e to mamä a trovae!

“ah” o gh’à dîto “son dannato, son dannato son dannato, son dannato! No gh’è ciù ninte da fâ: l’ò ammasae tutti duî!

Lì l’è arestou so moggê ca l’ea vegnua dä fontann-a con l’aegoa in testa. Anto a ghe dixe:

“no te stâ a disperâ, ch’emmo de l’ou e de l’argento e faiamo tanto ben ai povei, ai orfanelli, faiamo, che ti vediae che rimediamo pe tutto o peccou che t’ae faeto!”

traduzione in italiano:

c’erano due vecchietti che avevano un figlio, ma era destinato, questo figlio, ad ammazzare suo padre e sua madre. Lui lo sapeva, e non sapeva darsi pace, così un bel giorno si allontanò da casa. Un giorno i due vecchietti andarono in un bosco a prendere delle fascette di legna, non sapevano che il loro figlio si era sposato. Videro due uccellini in un nido che davano da mangiare ai loro piccoli e pensarono “Guarda, loro sono bestie e soccorrono sempre i loro piccoli, invece abbiamo un figlio solo e non andiamo mai a trovarlo, e l’abbiamo perduto e mai più visto!”

Così partirono e camminarono tre giorni e tre notti, arrivarono ad una chiesetta mentre stava finendo la messa. Uscì una donna e gli chiesero: “conoscete un certo Giuliano?” e la donna rispose “certo che lo conosco è mio marito, l’ho sposato io”

Così la ragazza porto i vecchi a casa, gli fece da mangiare, gli diede da bere, li ha messi a riposare perchè erano stanchi (avevano camminato tre giorni e tre notti)… andarono a riposare nel letto..

Suo marito, Giuliano, era a pescare. Mentre pescava si avvicinò il diavolo che gli disse: “Giuliano, stai qui a pescare, mentre tua moglie è a casa con un altro uomo, mi sembri un gran fallito!”Così lu infuriato andò a casa. Arrivato a casa il diavolo gli fa comparire sua moglie con un altro uomo, così Giuliano prese un coltello e gli tagliò la testa ad entrambi. Poi scappa, capisce di aver fatto una bruttissima cosa… arriva in fondo alle scale e vede la moglie con una brocca d’acqua in testa e la donna gli dice: ” Giuliano ho da darti una bella notizia, tuo padre e tua madre sono venuti a farti visita!”Giuliano allora le dice “sono dannato, sono dannato non c’è più niente da fare ho ucciso tutti e due.Sua moglie allora gli dice: ” non ti stare a dannare, abbiamo dell’oro, dell’argento e faremo tanto bene ai poveri, agli orfanelli, vedrai che rimedieremo per tutto il peccato che hai fatto!

Questa è una delle tante storie che abbiamo trovato nel libro del nonno Ettore, voi avete qualche storia da raccontare che vorreste condividere nel nostro blog?

Se si inviatela via mail sarà un piacere pubblicarla!

Ciao P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *